Riconoscere la perdita uditiva

Patients can now receive nursing care at home on a daily basis with high quality services.

Conosci il tuo udito

Riconoscere la perdita uditiva.

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) definisce deficit uditivo l’inabilità a sentire come una persona normo udente. L’ipoacusia è legata a diversi fattori e agli effetti combinati di tossicità ambientale in termini di rumore e danno metabolico–ossidativo, invecchiamento, malattia ed ereditarietà.In termini epidemiologici, la prevalenza in Italia dei problemi uditivi è stimata pari al 12,1% della popolazione , circa 7 milioni di italiani con ipoacusia con una significativa differenziazione tra le classi di età e un aumento significativo con l’invecchiamento (da percentuali che non superano il 10% della classe di età 13- 45 anni al 25% di chi ha dai 61 agli 80 anni, fino al 50% tra gli over 80).

Trascorrono dai 5 ai 7 anni prima che una persona cerchi un aiuto concreto: non aspettare, agisci subito!

Se hai riscontrato uno o più di questi sintomi è importante effettuare appena possibile un controllo dell’udito:

  • non senti il campanello della porta o il telefono?
  • hai bisogno di alzare il volume della televisione?
  • chiedi di ripetere più volte la stessa frase perché la voce non è chiara?
  • ti estranei da una conversazione di gruppo?
  • hai difficoltà a comprendere le voci femminili e quelle dei bambini?
  • hai difficoltà nel capire le parole delle persone se non le guardi in faccia mentre parlano?

Numerosi studi hanno dimostrato che le persone che soffrono di disturbi uditivi sviluppano preoccupazione, scarsa vita sociale, ansia, tristezza e disturbi cognitivi.

error: Contenuto protetto.